FANTAGUA DE VALENCIA

non vorrei avere il fantasma di Valencia. però già si è formato. me lo ritrovo nelle tasche, negli scontrini che dicono Agua de Valencia, nel dorso della mano dove vedo scorrere le calles minori, e in una vetrina la darketta col caschetto scuro, che non lo usa per andare in moto ma per ripararsi dallo sguardo altrui. il fantasma è nei vestiti usati là, nella chitarra piena di sabbia della pineta, nelle canzoni come Malo Malo. Bene, bene, ti attendo in tutte le lingue, mio caro fantasma valenciano. Valencia, io ti ho amato per due settimane, ma mi resterai dentro per tutta la vita. non capita con tutte le città.

besos,

g

Annunci

Una risposta a “

  1. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...