il demonio, l’inferno e il parlavanvera

il demonio c’è, e forse sei tu, che non hai mai peccato. tu, che hai sempre e solo giudicato. il demonio è in te che non accetti il diverso, in te che trovi perverso l’amore e normale benedire parole di condanna più spesso che di perdono. l’inferno esiste, tu dici, e l’inferno ce l’hai vicino, a pochi metri dalle tue mura dove qualcuno dorme e non si cura di preghiere ma di pane che non ha; l’inferno è qui vicino, a poche ore di aereo da te, nella terra bruciata non da dio ma dal sole, che mangia verde e azzurro, e lascia spazio solo a una luce accecante, e nessuna zona d’ombra, e solo assenza di acqua, e vermi nella pancia. l’inferno è negli stupri etnici, politici, militari, è nel bicchiere vuoto, nell’assenza d’amore. e se così non fosse preferisco amare e bruciare.


(leggi qui)


Annunci

Una risposta a “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...