tomato’s sketches

tomato’s sketches

 

 

Non è sangue ma pomodoro

quello che vedi scendere

dalle mie mani: ho preparato

la passata per te, ma era acida

e l’ho buttata via.

Stasera

ci mangiamo

pasta in bianco

e dato che tu sotto sei

in rosso

e io in rosso con il conto

faremo bianca la notte

mangiando le lenzuola

insieme all’aria gelida.

“Sei il migliore cuoco del mondo”,

sostieni mentre scendi con il mento

e io riposiziono il firmamento

spostando stelle cadute e coriandoli

sul pavimento.

“Non avrò altra dea all’infuori di te”.

“Avevi detto d’essere politeista,

e io comunque sono atea”.

Il letto cigolava senza un perché.

 

 

(dic 2012)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...