kCal (appunti per una poesia dietetica)

kCal

(appunti per una poesia dietetica)

 

 

Quando ci siamo messi a letto

dopo una cena stabilita

in un regime dietetico di 120 kCal

cercando di ridurre grassi e zuccheri al minimo

esaltando i sapori con le poche spezie

a disposizione

tentavamo di costruire il corpo

attraverso un discorso di proteine

e se poi non avevamo la forza di fare l’amore

potevamo sempre andare a letto con un film

dove altri vivevano e facevano l’amore.

“Certo che un bicchiere di vino”.

“Certo che una fetta di torta”.

Abbiamo diviso un Pesoforma

al ricordo di cioccolato, la cartina

strappata

restava a terra come quella di un preservativo

usato

e non appena ho chiuso gli occhi

la luce del frigorifero spalancato tagliava

il buio del corridoio:

mentre tornavi a letto facevo finta di dormire

e non appena hai chiuso gli occhi

sono uscito dal letto sfiorando il calorifero

freddo, tastavo a memoria

gli oggetti di una casa che non ricordavo.

Il frigorifero era grande

così grande che ci sarei stato.

 

 

mar2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...