Le vacanze del vocabolario

 

Le vacanze del vocabolario

 

 

Mi indubbia questo senso di continuo

neologismo, la paura di toccare il già

battuto, le risme di carta scritte, le serate già

vissute da qualcun altro con le mie

sembianze o rimostranze verso quel

bicchiere poco alcolico o troppo alcolico,

a seconda di chi me lo versa.

Mi disturbano i versi declamati da un poeta

ubriaco, oppure così lucido da oscurare

ogni minima traccia di sentimento.

Vorrei bere la stessa dose di ironia e trasporto

per non stare mai fermo né troppo in viaggio

per non portarti né essere portato

in nessun attimo che non sia questo, o per lo meno

che la birra non sia calda appena versata

e il vino rosso mai di frigo

e la tua pelle di un colore indefinito.

 

 

19-22 luglio 2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...