Tutto, niente, la vita

Tutto, niente, la vita.

 

 

Tu profumi di pan-di-zucchero e lacrime dorate,

e quando sfioro la tua pelle con il naso non so cosa

seguire, se i tratti fondamentali della cultura

– l’occhio, l’orecchio, il seno, le spalle – o addentrarmi

in una conoscenza esclusiva: i pori, la peluria,

la penuria di nei o l’abbondanza di efelidi,

il circo con gli elefanti che ti cammina

sottocutaneo e fa gli incontri coi circoli del sangue

là dove non esistono fazioni e ogni cellula collabora

e si unisce, nasce, muore a ogni respiro che mettiamo.

Tu profumi di presente, e non hai storia, e non hai casa

ogni volta che ci conosciamo. Non saprò che odore avrò

finché non sarò cane, e fiuterò me stesso sopra di te,

dentro di me, i miei vestiti, e saprò scindere il mio odore

dal tuo odore: è così che avrà inizio

tutto, niente, la vita.

 

ago2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...