Molti dubbi circa l’autenticità del verso della papera

Molti dubbi circa l’autenticità del verso della papera

_____________________
Non ti capita mai di sentire
il peso dell’altro
anche quando non c’è
di vedere oltre il letto
nei vestiti malappesi
una forma di fantasma giapponese?
Era partita in estate
la madre dei suoi cigni
di carta viola e menta, oramai
l’aspettava come si aspetta
un regalo non ricevuto
molti anni fa il giorno di Natale.
C’era ancora tutto questo bisogno
di trovare nessi
tra parole, oggetti e stati d’animo?
Il riccio del Brunei giocava a carte con il muso
sopra un panno verde impermeabile, l’acqua
non trapassava, e rimaneva a fare lago
piccolo o grande, a seconda di chi lo abitava.
Non ti capita mai di confondere
il verso del cigno
con quello della papera,
non distinguere il mattino dalla sera
quando dopo pranzo ti addormenti
e ti risvegli che è già quasi buio?
Ma la notte non è più oscura del giorno,
e molti amori spuntano fuori nelle ore piccole,
crescono bene come certe piante,
in un angolo di terra riparato,
e stingono se in piena luce,
per troppa esposizione.

__________________

25nov15

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...