I giorni della luna porpora

_NonInSuperficie_davies

________

I giorni della luna porpora
___________________________

 

Stesso giorno stesso appartamento
diverse le modalità del sentire
nonché l’intensità dello stringere
le dita tra le dita e poi
il petto contro lo sterno
l’inizio della fine
la paraffina all’interno

Viceversa secondo le autorità
non c’era stato segno di effrazione
o di colluttazione
ogni oggetto era rimasto al suo posto

Eppure

ogni oggetto era stato spostato
centinaia di volte
nel corso
della vita

Gli amanti erano stati trovati
ancora caldi
abbracciati tra di loro
nel palmo un fiore d’origami
precisamente un crisantemo
chi dei due avesse inferto
il primo colpo
verso la propria
o l’altra persona
non era ancora – o forse mai –
ricostruibile

udibile
visibile
ancora nell’aria
polvere da sipario
sollevata non creata
dalla stessa sostanza dei piedi

L’autopsia tardava
ad arrivare
come l’ispirazione per una poesia
su commissione
e quando ormai
si cominciava a sezionare
evidenti
erano i segni di una manipolazione successiva
le ricuciture dopo le aperture

dai vetri opachi della finestra
sotterranea
nel frattempo
esplodeva
una luna porpora

sui corpi
ogni santo giorno
c’era qualche agente che
fumava poco lontano
con il rispetto che si addice
ai vivi
più che ai morti

______

photo © Davies Zambotti – all rights reserved DS Zevis
http://www.davieszambotti.com/

texture © Gianluca Moro on giantropomorfo blog

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...