Archivi categoria: altrove

Di fronte allo scrittoio infranto

________________________________
Di fronte allo scrittoio infranto
________________________________
 
 
 
Ogni cambiamento ci rende un po’
più vicini e lontani
dalla morte. Pensa alle favole
che sbattono sui vetri
mentre tenevi la finestra
chiusa, pensa alle fusa
del gatto che chiama
dal cortile mentre
l’inquilino di sopra
canta una melodia
tra lirica e pornografia.
 
Di fronte allo scrittoio infranto
scrivere a terra, coi piedi e con le mani,
sul pavimento gelido, scrivere con la bocca
sul corpo
del reato ancora caldo, se per reato
intendiamo
decidere di vivere, innamorarci.
 
Le persiane del palazzo di fronte
che sbattono e risbattono,
le ciglia di uno dei due,
la meraviglia
di un nuovo giorno
che non si era chiesto
insieme, le api ai pascoli
i mieli sulla credenza, dal letto
l’approssimarsi, dilazionabile,
della colazione.
 
 
________________
milano16.10.17
Annunci

il corpo, l’archivio

becco2perArchivioCorpo
__________________
il corpo, l’archivio
__________________
 
 
 
di questo sterminato archivio
d’erba e orme calpestate
non resterà che
cenere sotto l’acqua
nel fondale
 
+
 
certe volte
fa famiglia addormentarsi
mentre l’altro parla
 
certe altre perdere un treno
tremare per un nonnulla
essere saldi di fronte a una culla
 
 
certe volte essere aerei
alzarsi da terra e nuotare
sopra il fondale dei tetti
di un palazzo annegato
in una città sommersa
nella gioia più buia,
tonnellate d’acqua sopra la testa
e non sentire che
il peso lieve dei pensieri
sotto i capelli
 
*
 
in questo sterminato archivio
d’erba che ti cresce in testa
costruiranno una casa o un palazzo
se non presti attenzione,
ti ritroverai i cantieri
ti scaveranno nella testa
ti toglieranno i pensieri
e giù, nelle fondamenta,
solo cantina e quadro elettrico,
e le emozioni tutte all’ultimo
piano, nell’attico, occorre fare
attenzione ai piccioni,
che non se le becchino via
 
/
————————-
to-mi12-14ott17

Giornotte

giornotte
_______
giornotte
 
_______
 
ma gli occhi, e i pensieri dietro gli occhi, al risveglio sono molto più veloci del resto del corpo che necessita tempo per riabituarsi alla luce e alla veglia. il pensiero è anche più rapido del solito, e guizza e lavora senza sforzo. è ancora carico della potenza dei sogni e ancora pieno di tutte le potenzialità del giorno. al contrario, il corpo se potesse tornerebbe a dormire. a quel punto gli occhi resterebbero spalancati, senza sapere bene dove andare.
 
______________________
milanostrade12.10.17
(foto di foto: Viviane Sassen – Galleria Sozzani Milano 2017)

Le architetture fuori città (vol I)

_________________________________
Le architetture fuori città (vol I)
_________________________________
 
 
 
La volta che ho sentito crollare
l’intonaco e poi i mattoni
nella camera da letto:
dal soggiorno lo scheletro
era ancora saldo, e i muscoli
si tendevano ancora a catturare
quel moscerino volante
per nutrire la pianta carnivora.
 
Ho lasciato gli operai
terminare
i lavori di abbattimento
e sono uscito oltre il cortile.
Ricordavo molte più abitazioni,
palazzi alti e bar lungo le strade,
l’ultima volta che ero uscito. L’ambiente
intorno era cambiato
come se non fossi passato
da secoli nel quartiere.
 
Ho camminato radente la costa
lungo l’oceano
leggendo i cartelli con le icone
antiTsunami
(Hiroshima lasciava ancora
il segno nell’acqua
nel nome di Fukushima).
Lungo la ferrovia
un gatto perlustrava i tetti delle case basse,
schiacciate dal sole. Una coppia di anziani
metteva fuori i tatami ad asciugare. Salutavano
con un cenno della testa
al mio passaggio. Rispondevo
chinando il capo e rivolgendo i palmi in fuori e all’insù,
in segno di apertura (sperando che fosse chiaro).
Quando si è fatta sera,
mentre lanciavo sassi piatti in direzione dell’acqua,
il gatto si è strusciato contro
le mie gambe. Mi ha seguito fino al Tori, lasciandomi
da solo una volta arrivati al tempio. Un odore di cucinato,
un insieme di fiori e di pesci che non conoscevo,
proveniva da entrambi i lati come una canzone improvvisa.
L’estate non si era guastata, ma qualcosa se n’era andato.
Mi voltavo spesso all’indietro,
con l’aria di chi
si sente seguito,
ma a parte qualche monaco
non era chi mi aspettavo.
 
 
__________________________
unitedtownsofmilan,10.10.17
texture by gianlucamoro on giantropomorfo:
 
*
photo: Gabriele Basilico, Rotterdam, 1986 © + Itsukushima shrine (Japan)

Le condizioni necessarie

pianapadana by giallo
_________________________
Le condizioni necessarie
_________________________
 
 
 
S’aprono le condizioni
necessarie al cambiamento:
un merlo che s’affaccia e mette quasi
il becco sopra il vetro
appannato
della camera da letto;
il primo ghiaccio che ostacola
una reale chiusura dei serramenti,
e occorre spingere
più forte per sigillare;
l’intonaco che mette prima una crepa
e poi una serie di righe su e giù
come un elettrocardiogramma
e il muro è
da rifare o quanto meno
mettere in sicurezza;
un tentativo di scasso
da parte di un orso uscito
dalla riserva boschiva.
 
E si potrebbero enarrare
altri innumerevoli segni,
come
il bisogno
di una stanza in più
per scrivere la storia
di un ingrandimento;
l’inquilino di sopra che fa
troppo rumore;
la voce inadeguata del dirimpettaio
che non s’intona al pianoforte
appena acquistato.
 
Le condizioni sono mute
o parlano a seconda
di chi ascolta, e per altri versi
si potrebbe restare
nel proprio sguardo-casa-lavoro
fino a che morte non ci separi, ma
troppi segni tutti insieme ci
suggeriscono di cambiare.
 
Adesso che siamo sopra
le nuove fondamenta
– la casa ancora da costruire
i vicini da inventare e
soltanto qualche ciuffo d’erba che
emerge tra le zolle nude
intorno al cratere –
sembra sia stato l’intervento
di una civiltà più antica
a scavare a lasciare
il vuoto per i pilastri e la struttura:
così, mentre ci sfioriamo la fronte
per aggiustarci a vicenda i capelli
per via di un’improvvisa tramontana
ci guardiamo e poi guardiamo
il cemento armato, l’inizio dei lavori
pacifici e quello che sarà. Non abbiamo fretta,
abbiamo tutto il tempo del mondo,
abbiamo già venduto la vecchia casa
e per un anno dormiremo dove potremo
in ogni angolo della Terra
(non possiamo certo stare svegli
un anno di fila
senza chiudere gli occhi).
 
Dicono i lavori finiranno in anticipo.
Possediamo sufficienti
provviste ed esperienza
e quando torneremo dal lungo viaggio
la casa sarà pronta, la chiave adatta
a far scattare
la nuova serratura.
 
Ci dormiremo una notte
senza sporcare niente
con estrema cura.
 
Il giorno dopo
ripartiremo verso
nuove fondamenta.
 
 
_______________________________
milano,primadecadedottobre,2017
 
photo by gianlucamoro, pianapadana
all rights almost reserved

Indagando il concetto di noia

01-Gabriele Basilico, Milano 1970-1973
______________________________
Indagando il concetto di noia
______________________________
 
 
Tutto ciò che non è
identificato fa paura.
Prendi quell’oggetto:
è una forbice o un coltello,
oppure è un orsacchiotto.
Ma se non ha nome
allora ti preme sullo sterno
una qualche forma di timore.
Invece come è bello tutto questo
spazio senza nome.
Potrebbe essere città o campagna,
pandizucchero, nebbia, stazione.
 
Dove sono ora mi piace.
 
Il linguaggio è un lupo
impostore
travestito da nonnina che bussa
alla bocca, ai denti,
per la divorazione
dei suoni, antica
fabulesca fonazione.
Ma un lupo
si può ammansire, non
addomesticare.
Poi un giorno una parola ti morde
e non puoi dire “però
non mi avevano avvertito”.
La parola rimane
la cicatrice
non te la togli dalla pelle.
 
E potrebbe non c’entrare in tutto questo
l’odore nauseante
delle brioches preriscaldate
in prima mattina
spandersi da un bar
del centro (o è la periferia?)
di qualcosa che finisce in -ate,
non lo ricordi, ci hai
fatto sosta solo
una volta di sfuggita
in estate e tra le dita
è rimasto
per tutto il giorno
quell’ odore di noia
che non se ne andava.
 
_________________________________________________
triennalemilano+milanoromolo+libreriaversomilano/sett-ott2017
photo: Gabriele Basilico, Milano 1970-1973

Posto di conversazione

DaviesBLU
________________________
Posto di conversazione*
________________________
 
 
 
stiamo zitti e guardiamo altrove,
in cucina tutto spento
sparecchiano gli ultimi tavoli, noi
non andiamo
via
dobbiamo chiarire
i punti che non ci sono chiari
mentre il sole alto in questa
sera di giugno
se n’è andato
noi restiamo,
le ultime briciole
ci tolgono anche i bicchieri
ci restituiscono la carta
di credito
avevi detto
avevo detto
io io
tu tu
poi guardiamo
insieme
la stessa direzione
la barca coi turisti sul naviglio
grande sembra affondare
quando sparisce alla vista,
ci sono cose più importanti che
litigare
ci alziamo paghiamo il conto
andiamo a casa a fare l’amore
lungo la strada ci sono
i canguri che portano le cene
saltando i pasti
fino a notte inoltrata,
restiamo per un attimo
su una gamba sola
sopra di noi
i cantieri con le gru sono fermi
ma
sembra sempre che si debbano
da un momento all’altro
abbassare o sollevare
 
 
__________________________________
milanoalzaianavigliogrande,28sett’017
 
 
photo by Davies Zambotti -allrightsreserved
 
 
 
*Il titolo è il nome di un ristorante in Alzaia Naviglio Grande 6, Milano