Archivi tag: altrove

Fantasia di Chiang mai

chiang mai
________
เชียงใหม่;
จินตนาการ
Fantasia di Chiang mai
_________________________
Sembrava un tempio,
un po’ più spoglio
del solito, e meno dorato,
ma comunque un luogo
d’isolamento,
quando sono entrato
per pregare
ho realizzato: era
un magazzino
di vernici e pollini,
ho pregato nel magazzino
di poemi e vertici,
meditando su ciò
che era avverabile
e ciò che era semplicemente desiderabile
perché diventassi una persona migliore
e meno legata al filo
dei commenti nella vita e nelle pubblicazioni
ho appeso la sentenza
a un filo di ferro che penzolava
come i rami presso i templi
e dato che l’effetto non era poi
così diverso
ho deciso che poteva andare bene
e poi ho pensato che
come profezia
non era poi affatto male
e del resto me l’ero poi predetto da solo
il futuro
per cui mi sono portato via il foglietto con la sentenza
ho camminato per ore
lungo ombre di strade
(strade che parevano l’ombra di se stesse)
e al primo passante che anche solo vagamente
somigliava a un magistrato
ho regalato un fiore di carta
bollata
con sopra il primo testo scritto nella mia vita
chiedendo che fosse clemente
per gli eventuali
errori di ortografia o eccessi verbali.
_________________________
trenopermailand,21lug17
photo and texture by giallomoro

Persone che potresti conoscere

vicolo monopoli
____________________________
Persone che potresti conoscere
________________________________
 
 
Quelle porte
così pazienti
quelle creature
così evidenti
che s’anfrattano nell’androne
prima che il vicolo si metta
in un canale, o nel porto,
e scompaiono
in un niente
com’erano arrivate,
e compare la noia,
o il terrore,
di non sapere più
dove guardare.
 
 
______ . -____ – – .. :: ______
 
primadecadedaprile’17-milan

La colazione del sabato (the breakfast theme, vol.2)

uovo
____________
La colazione del sabato
(the breakfast theme, vol.2)
____________________________________
Lei riposa ancora,
io alzato
da una vita intera. Preparo
me alla colazione del sabato, quella lunga
interminata indeterminata frase
fatta di articolazioni stirate
uova all’occhio di drago
benedette o strapazzate
e gusci intatti come decorazione
mentre imminente (come sempre
in ogni stagione)
è il Natale. Preparo
versi da far stupire
anche un analfabeta che riuscirebbe
improvvisamente a leggere. Preparo
le valigie per la nostra vacanza
sulla Luna. Non è il caso che ci salutiamo
con gli amici, perché anche da lì
vi penseremo. Non dateci consigli perché
non li ascolteremo. C’è bisogno di schianti
nella vita, e l’eccesso di preparazione
impedisce la sorpresa e disvela la trama.
____________
Milano3-6dic16

Lo sbarco sulla Terra

apepolline

Lo sbarco sulla Terra

______________
È arrivato prima del tempo
prima di ogni immaginabile spazio
attraverso lo spostamento
del polline da Nord a Sud,
dalla testa lo sguardo basso verso i piedi
e prima l’addome addomesticato
pluripremiato ai concorsi per la migliore
respirazione dell’anno,
e non hai dato noie a nessuno
e tutti ti hanno annoiato
con i loro problemi di connessione
quando bastava spostarsi
da dentro verso il balcone.

________

metanov’15

Qualcuno sulle spalle

mezza-perla-white-1
Qualcuno sulle spalle
________________
 
E non avevi mai portato
qualcuno sulle spalle
non costretto per necessità
in un sentiero di vetro con l’altro
svenuto,
ma piuttosto, senza un motivo,
sollevato un bambino, una cinciallegra,
un compagno di danze mattutine
all’altezza del collo?
E non avevi mai sognato
di entrare nelle avventure del libro,
gettarti nelle battaglie insieme ai lupi e alle piratesse
in cerca di tesori d’ostrica
trattenendo il respiro lungo i fondali?
Mi ricordo le volte che mio padre
mi teneva a cavalcioni sulle spalle,
la testa mezzo addormentata
abbracciata alla sua,
le palpebre serrate, indovinavo
nel numero di passi il cammino
fino alla porta di casa,
e il suo fiatone viola e verde:
“Fine della corsa, siamo arrivati”.
Non pensavo che potesse
fare fatica, che già allora esistesse
una forza di gravità.
_____________
metànovembre’15

Le comete

C-2011L4-Panstarrs - March 15.2013  - R filter - Milani Posizione-Cielo-Lovejoy
LE COMETE
__________
 
 
Sono troppo vecchio per stare fuori
nei dehors la sera in inverno
a fumare a fumare
e troppo giovane per stare dentro
a parlare a parlare
sono troppo stanco per sedermi
e troppo energico per andare
a dormire
sono troppo innamorato
per aspettare
sono troppo in orario
per desiderare.
Arriverete puntuali alle Comete?
Dicono che ci sia
troppa gente al venerdì
e troppo poca il resto della settimana
(oggi che giorno è? Ottabato, Quartedì?)
V’invidio alcuni versi
– il fischio che si estende
fino alle estremità del quartiere –
e di altri dal profondo mi vergogno.
Chi fa le gare
ha perso in partenza, c’è spazio
e tempo per tutti in questo
locale intergalattico, servono latte
corretto, servono braccia forti ghiacciate
per resistere alla folla
all’inaugurazione, ma vi prometto
che verrò accompagnato,
no, non potete conoscere
la persona in questione,
non ve ne ho mai parlato, è una vita
che abitiamo insieme, e la riservatezza è il suo forte,
verrà, verrà, magari a fine serata, ma
ci presenteremo più splendidi che mai.
Teneteci una fetta di musica,
che abbiamo fame.
 
_______________
11-13 nov’15

Niente sopra cui scrivere

aquila_nera_40_2

Niente sopra cui scrivere

_________________
“Cosa pensa Dio della guerra?”
“La religione sta scomparendo?”
E non andavo nel bagno pubblico
per “espletare le funzioni corporali”,
o meglio sì, dato che in quel bagno
un po’ scrostato ci andavo
quando mi scappava di danzare
e non era consentito per le strade
dopo il Colpo di Stato.
Tutti marciavano con l’aquila in spalla,
ma nessuna rivoluzione ha pensato
a un’aquila che balla.
Ogni gesto piacevole e imprevedibile
restava sullo sfondo, dietro la carta da parati,
pena la tortura della testa sott’acqua.
Gli amanti della danza
furono i primi a lasciare il Paese
di nascosto durante le parate notturne
passando tra i carrarmati barzotti
e le divise consacrate.
Poco dopo fu la volta dei teatrali,
e poi delle comparse al cinema, e ancora
i contadini senza più terra, e per ultimi gli scrittori,
dato che non era rimasto
niente sopra cui scrivere
e ancora meno da mangiare.
Quando terminò la transizione il Paese era
deserto come il set di un western finite le riprese.
Per le case e per le strade
restavano le sole guardie a presidio,
qualche spia, e i ministri decorati.
Avevi detto un giorno che ci avresti raggiunto,
ma per qualche tuo motivo
a noi ancora oscuro e inammissibile
sei rimasta, non ti potevi staccare.

_________

11-12nov’15