Archivi tag: sogno

Fantasia di Chiang mai

chiang mai
________
เชียงใหม่;
จินตนาการ
Fantasia di Chiang mai
_________________________
Sembrava un tempio,
un po’ più spoglio
del solito, e meno dorato,
ma comunque un luogo
d’isolamento,
quando sono entrato
per pregare
ho realizzato: era
un magazzino
di vernici e pollini,
ho pregato nel magazzino
di poemi e vertici,
meditando su ciò
che era avverabile
e ciò che era semplicemente desiderabile
perché diventassi una persona migliore
e meno legata al filo
dei commenti nella vita e nelle pubblicazioni
ho appeso la sentenza
a un filo di ferro che penzolava
come i rami presso i templi
e dato che l’effetto non era poi
così diverso
ho deciso che poteva andare bene
e poi ho pensato che
come profezia
non era poi affatto male
e del resto me l’ero poi predetto da solo
il futuro
per cui mi sono portato via il foglietto con la sentenza
ho camminato per ore
lungo ombre di strade
(strade che parevano l’ombra di se stesse)
e al primo passante che anche solo vagamente
somigliava a un magistrato
ho regalato un fiore di carta
bollata
con sopra il primo testo scritto nella mia vita
chiedendo che fosse clemente
per gli eventuali
errori di ortografia o eccessi verbali.
_________________________
trenopermailand,21lug17
photo and texture by giallomoro

Robusta, arabica

coffee-1479518_1920
_________________
Robusta, arabica
_________________
 
 
certe volte il caffè
quando esce non fa rumore
altre volte nelle orecchie
è la voce di un genitore
quando non è ancora mattino
e non puoi fare altro
che alzarti, e andare
 
 
_________
lugli’017

La colazione del sabato (the breakfast theme, vol.2)

uovo
____________
La colazione del sabato
(the breakfast theme, vol.2)
____________________________________
Lei riposa ancora,
io alzato
da una vita intera. Preparo
me alla colazione del sabato, quella lunga
interminata indeterminata frase
fatta di articolazioni stirate
uova all’occhio di drago
benedette o strapazzate
e gusci intatti come decorazione
mentre imminente (come sempre
in ogni stagione)
è il Natale. Preparo
versi da far stupire
anche un analfabeta che riuscirebbe
improvvisamente a leggere. Preparo
le valigie per la nostra vacanza
sulla Luna. Non è il caso che ci salutiamo
con gli amici, perché anche da lì
vi penseremo. Non dateci consigli perché
non li ascolteremo. C’è bisogno di schianti
nella vita, e l’eccesso di preparazione
impedisce la sorpresa e disvela la trama.
____________
Milano3-6dic16